Petta Adriano

Adriano Petta è nato a Carpinone (IS) nel 1945. Romanziere, studioso di storia della scienza e medievalista, ha dedicato parte degli ultimi vent’anni alle ricerche per i suoi romanzi storici. Nel 1995 ha tradotto dal castigliano il racconto di Clarín La duchessa del trionfo (EDIS, La Collanina-Classici in breve, 1995), facendolo precedere da un piccolo saggio sull’Arte del romanzo (Nel rogo del calamaio). Oltre alla produzione di romanzi, negli ultimi anni è stato collaboratore del quotidiano Il Manifesto con articoli d’interesse storico legati soprattutto al Medioevo e all’Inquisizione. Ha collaborato con l’inserto letterario del settimanale La Rinascita della Sinistra. Suoi racconti e interventi di carattere storico sono stati pubblicati su svariate riviste e webzine (Carmilla-on-line etc.)

Romanzi pubblicati:

La libertà di Marusja (Gitti Europa, Milano, 1992).

La guerra dei fiori (EDIS, Brescia, 1993), con una prefazione di Roberto Roversi.

La via del sole (EDIS, Brescia, 1996), romanzo storico.

La cattedrale dei pagliacci (ROBIN, Roma, 2000), sua prima opera di genere noir, con lo pseudonimo James Adler.

20 aprile 2029 (Lulu.com, 2009) – romanzo di fantascienza.

Ipazia, vita e sogni di una scienziata del IV secolo (La Lepre Edizioni, 2009), con prefazione di Margherita Hack.

Roghi fatui: Oscurantismo e crimini dai Catari a Giordano Bruno – La Lepre Edizioni (2011).

Eresia pura: Lo sterminio dei Catari e il segreto delle “Chiavi del Sapere” – romanzo storico, nuova edizione pubblicata da «La Lepre Edizioni» (2012).

La cattedrale dei pagliacci (Karta Edizioni, 2014).

La profezia dei fiori (Angolazioni, 2014).

La sinfonia maledetta (Tempesta editore, 2014).

Il romanzo di Marusja (Tempesta editore, 2014).

Adriano Petta ci ha affidato la promozione di Assiotea, testo che riteniamo essere il suo lavoro più importante e che siamo sicuri raggiungerà presto la diffusione e la notorietà che merita.

 

torna-freccia-sinistra-simbolo-curva_318-70766